La Burcina

Un parco di scorci incantevoli

 

La Riserva naturale speciale del Parco Burcina-Felice Piacenza è uno dei luoghi preferiti dagli stessi biellesi nel territorio della provincia. Situato su una collina tra i comuni di Biella e Pollone, il parco è un’area boschiva protetta che offre scorci spettacolari tra cui la celebre conca dei rododendri, in fioritura tra i mesi di maggio e giugno.

Caratteristiche del Parco

Boschetti si alternano a prati e radure e le piante sono disposte in modo apparentemente casuale, dando la costante impressione di essere in un ambiente in cui l’azione dell’uomo è quasi inesistente. Latifoglie tipiche del territorio, come faggi, castagni, aceri, frassini, querce, ciliegi, betulle, condividono il paesaggio con piante esotiche perfettamente e sapientemente integrate.
Una comoda strada sterrata si inerpica in più tornanti fino alla vetta dove sorge una piccola torre. Numerosi i sentieri laterali.

 

Storia della Burcina

Fu Giovanni Piacenza ad acquistare i primi terreni nella metà dell’Ottocento per piantarli con sequoie, cedri dell'Atlante, pini strobus e altri. I suoi successori ampliarono il progetto, tracciarono strade e sentieri e coinvolsero paesaggisti e botanici di fama europea.
Nel 1934 il parco passa in proprietà al Comune di Biella che ha provveduto ad ampliarne la superficie fino ai 57 ettari attuali.

 

Tenuta La Mandria di Marco Aondio   -  

p.iva 01749520027  -   cookies/privacy